Criteri regionali per la gestione delle terre e rocce da scavo dei piccoli cantieri

  • email
  • facebook
  • twitter
  • share this
  • Stampa
  • Pagina precedente



La Regione Umbria, con D.G.R. n. 461 del 20 maggio 2013, ha adottato i propri criteri per la gestione delle terre e rocce da scavo provenienti da cantieri dai quali si originano meno di 6.000 mc di materiale ai sensi dell'art. 266 del D.Lgs. 152/2006 e dell'art. 48, comma 6 della L.R. 11/2009.

L'atto intende dirimere la questione relativa alle procedure semplificate previste dal Testo Unico Ambientale per le movimentazioni di terreno per meno di 6.000 mc, non ancora emanate da parte dello Stato in quanto non comprese nel D.M. 161/2012, che regolamenta la materia dallo scorso Ottobre, e che pertanto costituisce il riferimento tecnico-normativo per quanto riguarda la gestione delle terre e rocce da scavo provenienti da cantieri nei quali si originano più di 6.000 mc di materiale.

Il documento approvato dalla Giunta Regionale definisce le procedure tecnico/amministrative da effettuare per gestire le terre e rocce da scavo nei piccoli cantieri riportando anche, in allegato, la modulistica da compilare e inviare alle autorità competenti per in ognuna delle seguenti tre tipologie di intervento:
- lavori di pronto intervento;
- lavori di sistemazione di aree di pertinenza (microcantieri);
- cantieri di piccola dimensione (movimentazione di materiali inferiore a 6000 mc).

L'atto è stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 5 del Bollettino Ufficiale della Regione del 12 Giugno 2013.

Cliccare qui per scaricare il testo dei Criteri Regionali per la gestione delle terre e rocce da scavo provenienti da piccoli cantieri in formato pdf.

Di seguito è possibile scaricare la modulistica in formato .doc

- Allegato 1: Schema di dichiarazione relativa alla produzione di terre e rocce da scavo provenienti dai piccoli cantieri.

- Allegato 2: Schema di dichiarazione da presentare con la comunicazione di inizio lavori

- Allegato 3: Documento di trasporto nei casi di non assoggettabilità alle previsioni di cui al D.P.R. 472/96.

Per informazioni si prega di contattare il funzionario:

- Ing. Pierluca Proietti Bocchini (tel. 075 5042647 email pproietti@regione.umbria.it)


Ultimo aggiornamento:  12/06/2013 ore 10.06